Studio Netter-1

PRIMO STUDIO SPERIMENTALE DI FASE III DI LUTETIUM LU 177 DOTATATE NEL TUMORE CARCINOIDE DELL’INTESTINO MEDIO

Risultati disponibili

I risultati dettagliati dello studio dimostrano che Lutetium Lu 177 dotatate incrementa significativamente il tasso di sopravvivenza libera da progressione nei pazienti affetti da tumori neuroendocrini in stadio avanzato all’intestino medio.

Lutetium Lu 177 dotatate

Lutetium Lu 177 dotatate è un nuovo approccio terapeutico in fase di sperimentazione nel tumore carcinoide dell’intestino medio.

Lutetium Lu 177 dotatate appartiene a una nuova classe terapeutica chiamata “Terapia Recettoriale con Peptidi Radio Marcati” (PRRT) che utilizza gli analoghi radiomarcati della somatostatina per il trattamento del tumore carcinoide.

Lo storico

zèbre-BEsiste l’esigenza medica, finora non ancora soddisfatta, di individuare un trattamento efficace per i tumori neuroendocrini (NET) progressivi.

Eccetto che per i tumori neuroendocrini pancreatici (circa il 90% dei NET), non esistono farmaci registrati per il trattamento dei NET dell’intestino medio progressivi dopo trattamento con analoghi della somatostatina.

La PRRT risponde a questa specifica esigenza medica e le principali Società Scientifiche (NANETS1, ESMO2, ENETS3) hanno incluso questa terapia nelle loro linee-guida per il trattamento dei tumori neuroendocrini inoperabili dell’intestino medio o dei GEP-NET (tumori neuroendocrini gastro-entero-pancreatici).

L’evidenza scientifica preliminare della PRRT ha indotto numerosi Paesi (attualmente Austria, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Grecia, Portogallo, Spagna, Svizzera e Regno Unito) ad attivare programmi di uso compassionevole per questa terapia.

A partire dal 2000, migliaia di pazienti sono stati trattati con 177Lu-DOTA0-Tyr3-Octreotate (Lutetium Lu 177 dotatate) con risultati promettenti.

Attualmente, al termine dello studio clinico registrativo di fase III ‘Netter-1’, Lutathera è il candidato in fase di sviluppo più avanzata per la PRRT.

Caratteristiche dello studio

Disegno: Netter-1 è il primo studio multicentrico di fase III, stratificato, randomizzato, in aperto, a gruppi paralleli, verso trattamento di controllo, per confrontare la terapia con 177Lu-DOTA0-Tyr3-Octreotate verso Octreotide LAR in pazienti con tumore carcinoide inoperabile e progressivo dell’intestino medio, e con positività per i recettori della somatostatina.

Obiettivo primario:  sopravvivenza libera da progressione (Progression Free Survival, PFS, in accordo ai criteri RECIST 1.1) valutata ogni 12 settimane fino a progressione, utilizzando un laboratorio centralizzato per l’analisi delle immagini TAC (o risonanza magnetica).

Principali obiettivi secondari: tasso di risposta (Objective Response Rate, ORR), sopravvivenza globale (Overall Survival, OS), tempo alla progressione (Time To Progression, TTP), sicurezza, tollerabilità e qualità della vita. In un sottogruppo di pazienti verranno inoltre effettuate valutazioni dosimetriche, farmacocinetiche ed ECG.

Riassunto dello studio

Il trattamento con 177Lu Dotatate (4 somministrazioni di Lutetium Lu 177 dotatate ad intervalli di 8±1 settimane per una dose cumulativa di 29.6 GBq), in aggiunta alla terapia di supporto con Sandostatina® LAR (30 mg ogni 4 settimane), viene confrontato al trattamento con alte dosi di Sandostatina® LAR (una somministrazione da 60 mg ogni 4 settimane). Lo studio si rivolge ai pazienti con tumore neuroendocrino dell’intestino medio in progressione dopo trattamento con Sandostatina® LAR.

La presenza dei recettori per la somatostatina su tutte le lesioni target deve essere confermata dall’esame OctreoScan® durante lo screening.

Treatment and assessments Lutathera figure

Per le valutazioni di OS, la durata complessiva dello studio prevede 18 mesi di terapia seguiti da 5 anni di follow-up.

La risposta alla terapia è valutata ogni 12 +/-1 settimane a partire dalla data di randomizzazione, secondo i criteri RECIST 1.1. Radiologi esperti presso un laboratorio centralizzato valutano in maniera indipendente le immagini TAC (o risonanza magnetica), rimanendo in cieco rispetto al trattamento.

I pazienti continuano il trattamento fino a progressione di malattia, tossicità che impedisce il proseguo della terapia, impossibilità/incapacità di aderire alle procedure dello studio o ritiro del consenso.

Centri coinvolti: 36 Centri in Europa e 15 negli Stati Uniti.

netter1sites-1024x379

 

Il primo paziente è stato arruolato a Luglio 2012. Lo Studio prevede la randomizzazione di 230 pazienti, assegnati in ugual proporzione nei due bracci di trattamento.

L’analisi dell’obiettivo primario (PFS) è prevista dopo il raggiungimento di 74 eventi valutabili e confermati dal laboratorio centralizzato.

Un comitato indipendente (Data Safety Monitoring Board, DSMB) supervisiona la condotta dello studio e valuta regolarmente i dati relativi alla sicurezza.

Ulteriori informazioni sono disponibili al sito: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT01578239


Video sul meccanismo d’azione di 177Lu-DOTATATE

Riferimenti

  1. Boudreaux et al. 2010, The NANETS Consensus Guidelines for the Diagnosis and Management of Neuroendocrine Tumors.
  2. Eriksson et al. 2008, Consensus Guidelines for the Management of Patients with Digestive Neuroendocrine Tumors – Well-differentiated Jujenal-Ileal Tumor/Carcinoma (ENETS Guidelines)
  3. Oberg et al. 2012, Neuroendocrine Gastro-entero-pancreatic tumors : ESMO Clinical Practice Guidelines for diagnosis, treatment and follow-up.